Isplora_renzo_piano_londra

Renzo Piano e l'arte di costruire edifici

Architetti

Fino al 20 gennaio 2019 alle Gabrielle Jungels-Winkler Galleries della Royal Academy of Arts di Londra andrà in scena la mostra “The Art of Making Buildings” vero e proprio omaggio alla carriera dell’architetto genovese Renzo Piano. Per l’occasione sono stati selezionati dai curatori, Kate Goodwin e Renzo Piano Building Workshop, 16 progetti del senatore Piano, tra cui: il Centre Pompidou di Parigi (1971), la Menil Collection a Houston (1986),  l’aeroporto di Kansai a Osaka (1994), il Jean-Marie Tjibaou Cultural Centre di Nouméa (1998), l’Auditorium del Parco della Musica a Roma (2002), il New York Times Building (2007), lo Shard di Londra (2012), la Jérôme Seydoux Pathé Foundation a Parigi (2014) e il Whitney Museum of American Art di New York (2015).

Un ennesimo riconoscimento per Renzo Piano, collocato nella prestigiosa cornice dei festeggiamenti per i 250 anni della Royal Academy.

Renzo Piano e il crollo del ponte Morandi: una visione e una proposta per il futuro 

Di certo Renzo Piano negli ultimi mesi è molto attivo nel dibattito mediatico e politico sul crollo del ponte Morandi di Genova, anche per l’offerta di un progetto per la sua ricostruzione, una struttura per superare la tragedia e ricostruire il futuro. Argomento emerso anche durante la presentazione della mostra dove l’architetto genovese ha ripetuto che “i ponti non possono crollare perché i ponti nascono per unire, mentre sono i muri che nascono per dividere”.

Dalla mostra alla Royal Academy of Arts di Londra emerge la coerenza e il metodo usati da Renzo Piano in 50 anni di attività

“The Art of Making Buildings” fa davvero emergere il ruolo sociale ricoperto da Renzo Piano: l’architetto pubblico e il manifesto della sua opera che attraversa con coerenza l’intera produzione dagli anni Settanta ad oggi.

Nel primo caso l’architetto afferma, alla presentazione, come i suoi progetti siano “quasi tutti di edifici pubblici: aeroporti, musei, ospedali, scuole, ecc. Molto semplice è il motivo per cui amo fare progetti pubblici, perché sono per le persone e perché stiano insieme”. Nel secondo caso nelle tre sale della mostra emergono i temi cardine della sua produzione e del suo metodo (trasparenza, luce e leggerezza), lungo il filo conduttore del mestiere dell’architetto che si muove tra tecnica e poesia. La poetry che secondo Piano “svanisce come il silenzio quando si parla”, tanto agognata quanto difficile da raggiungere, ma che può risiedere negli edifici. Questo perché “gli edifici raccontano storie e le storie vanno raccontate in un modo poetico altrimenti svaniscono”. L’architettura diventa così una narrativa culturale e sociale.

Un racconto che si snoda nella prima sala della mostra attraverso documenti inediti (disegni tecnici, schizzi, particolari costruttivi e modellini) disposti su tavoli, concepiti come gli spazi del lavoro, e circondati da sedie come durante una riunione di studio.

Si continua, poi, con il vero chef-d'œuvre dell’intero percorso: l’Atlantide dello studio RPBW costituita da 102 modellini di architetture che lo studio ha costruito nel mondo. Un’isola che non c’è dove poter leggere e attraversare l’intera produzione dell’architetto.

Un mondo sospeso quello di Renzo Piano -come il modellino dell’isola- dove “l’arte di costruire edifici” diventa lo strumento per guidarci al suo interno e nella professione dell’architetto in genere.

building

La community ISPLORA.com

Per rimanere in contatto con noi ed essere sempre aggiornati su progetti, materiali e design anche sui nostri canali social.

Entra nel mondo ISPLORA

indietro

Crea un account

Se non hai già un account clicca il pulsante qui sotto per creare il tuo account.

crea account

Per ricevere crediti formativi riconosciuti dall'AIA (American Institute of Architects) clicca qui.

Crea un account

back